Copia Conforme, l'ultimo film di Kiarostami. Speriamo.

Arriva fresco fresco dal 63° Festival di Cannes, con un meritato premio per Migliore Attrice Protagonista alla brava Juliette Binoche, il film Copia Conforme, del regista iraniano Abbas Kiarostami.

Copia Conforme, A. Kiarostami


Copia Conforme è un film di 106 minuti circa, idealmente diviso in due parti: nella prima, circa un'ora eddieci, non succede praticamente nulla; nella seconda, circa quaranta minuti, non succede nulla.

Il film finisce con lui che piscia guardando fisso nella macchina da presa per circa due minuti. Deve averla trattenuta per tutte le riprese.

Degna di nota la colonna sonora, assente probabilmente per risparmiare sulla SIAE, visti i chiari di luna.

I titoli di coda ci informano che questo film è stato girato con i soldi nostri.

Le agenzie di stampa riportano che il film non sarà proiettato in Iran. Mica scemi.

Annunci

49 thoughts on “Copia Conforme, l'ultimo film di Kiarostami. Speriamo.

  1. Odddddio ! Pensa se mi fosse passato sotto il naso senza che me ne accorgessi !  Grazie dell'avviso, Gattosilver! Ora vado a piantonare uno di quei pochi selezionati cinema così evito la fila al botteghino… …Era dai tempi di "Bambola" che non leggevo una recensione così entusiastica.   😀

  2. Buongiorno carissimograzie dell'invito perchè non ho mai capito come entrare a commentare mica sono laureata ahahahaha il tuo blog è bello e particolare, pensa che la prima volta che sono entrata pensai, ma questo è il mio desktop ahahahahah  Grazie di avermi suggerito questo film.

  3. AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHACi andrò sicuramente.Speriamo che le battute siano dette ogni 22 minuti (odio i ritmi troppo serrati) e speriamo pure che sia in lingua originale, così da coglierne meglio l'essenza…

  4. mmm.che odorino di cinema raffinato… quale sarà la portata principale? polpette di mmmerda?grazie, cedo il mio posto a Sandro Bondi. e grazie per avermi salvato dal possibile incappo in un ennesima cagata pazzesca.

  5. Sarà un film di livello culturale troppo elevato per essere compreso dalla massa a cui appartengo….. è quello che mi dco ogni volta che guardo un film o leggo un libro che hanno ricevuto premi e citazioni ma che mi causano fastidiosi effetti collaterali a carico dell'apparato gastroenterico….

  6. Grazie per avermi dato questa dritta.Una genialata per chi di solito s'addorma allo scadere del decimo minuto dall'inizio. e si sveglia con i titoli di coda….P.S. ma che è successo qui?

  7. Ah, perfetto.Andrò sicuramente a vederlo.Era da anni che cercavo un film degno di comporre un trittico con altre 2 opere cinematografiche fondamentali come "El Topo" ed "America Oggi".Finalmente ora, dopo tutti questi anni, riuscirò a dire che esiste il "trio monnezza" del cinema.

  8. Se veramente l'abbiamo pagato noi, con le tasse, allora deve essere gratuito al cinema. Mica dobbiamo pagare per vederlo, dopo che abbiamo pagato per farlo fare, oh!Non fa una piega!

  9. Gattaccio, ancora non mi sono ripresa dalla botta di sonno che mi colse durante la visione di "Sotto gli ulivi" (1994) e tu pensi che io possa avere voglia di sorbirmi un altro "capolavoro" di Kiarostami???Col piffero! – direbbe il saggio! :))*****

  10. ciao silver.come ti dicevo, non ho visto copia conforme, ma il tuo resoconto è comunque molto divertente.non posso fare a meno, però, di ricordare come un film bellissimo america oggi, evocato nel commento #23.

  11. MatildePentita, il gatto sta sbadigliando; temi che si sloghi la mascella?Iosif, AmericaOggi non l'ho visto, dovrò provvedere. Invece El Topo non è pervenuto a El Gato.

  12. el topo ha abbastanza fiaccato anche me. ma, ovviamente, se andrai a chiedere ad uno jodorowskiano ci darà dei folli, e dal suo punto di vista avrà ragione. 

  13. ti adoro quando svolgi un servizio pubblico.certo non correvo il rischio di andarmi a vedere sto film, ma momenti di debolezza possono capitare a tutti ed avere un supporto, una guida, un mentore può fare la differenza.

  14. Aggiungerei, poco signorilmente, un commento che mi è venuto così… leggendo il nome di questo signore… :DIl regista era per caso "Kiarostami"……nkia? 😀

  15. Hi….Anzi…"miao"!!!!….Ciao "GattoSilver" (nel frattempo divenuto anche "solver"…)Forse non ti ricordi di me, ma ai tempi (qualche anno fa…..)del mio Blog "Francokorovamilkbar" mi sei venuto a far visitae sei stato piuttosto gentile nel darmi una mano a risolverei miei problemi di "neofita" della rete…..(a dire il vero non è che le cose siano poi tanto migliorate….)Gira che ti rigira (…e non è "Amore Bello" di Baglioni!!!!….)ecco che ritrovo "la tua faccia di gatto" su uno dei blog sui qualidi questi tempi mi "affaccio", ovvero quello di "Iosif/Slowfilm"……..e allora, mi dico…..perchè non fargli un saluto……….ed eccomi qua!!!!…E visto che sono piuttosto "cinemaniaco" ti lascio un commento su un tuo post cinefilo….questo di Kiarostami…..Senza entrare nel merito della tua critica voglio solo svelartiun segreto, qualora ti interessi….."La lentezza" ed il "Racconto" (che a volte, da soli o sommati assiemepaiono "il nulla") sono due "valori cinematografici" ma pure della letteratura e, al cinema, per esempio, sanno bene usarli artisticome Kiarostami, ma pure De Oliveira ed Angelopolous….(Te li sconsiglio vivamente, se non sei "d'animo predisposto"   e visto il commento a questo "Copia conforme", che,  per altri     motivi che non sto a dettagliarti, non ha entusiasmato neanche me….)Per il resto…..la battuta sulle foto dei gatti era "niente male"(ma io li adoro, non crucciarti…..e soprattutto non cominciare   a miagolare…..) ma seguiro' il tuo consiglio e prima cominceròa cancellare quelle di "Re Silvio"………purtroppo ci rimarrà comunque sul groppone lui in carne, ossae plastiche facciali nonchè i suoi sempre piu' numerosi"cloni italioti"…..Ci si vede, da queste parti…….ciao……..FRANCO

  16. Cerrrrto che mi ricordo, benrivisto!"Lentezza" e "Racconto" sono due valori che ho imparato ad apprezzare -nell'impossibilità fisica di sopprimere Andrej Tarkovskij- quando ho visto Solaris. Poi lui morì di suo, vabbe'… Io non c'entro, sia chiaro.

  17. Ecco….esatto….Tarkovskij…….proprio di "questa bella roba" venivo a parlarti……………stagli alla larga…………………..in fondo, un pochino di "SANA INTOLLERANZA"rende migliore la vita………soprattutto "piu' serena e piu' sicura"….Ciao….FRANCO

  18. la più bella recensione che abbia mai letto!mi ricordo di te bambino, gattosilver… avevi poco più di una decina di commenti per post. Ora sei diventato una blogstar! complimenti 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...